Il Leggio 03 – Il gioco degli immortali, Cap. 02, Parte 02

[audio:http://blip.tv/file/get/THeNeXuS-IlLeggio02IlGiocoDegliImmortaliCap02Parte02152.mp3]

Seconda parte del secondo capitolo de Il gioco degli immortali, di Massimo Mongai. Il testo e’ disponibile su LiberLiber.

Episodio dedicato a Vittorio “Vik” Arrigoni, un uomo piu’ grande di quanto io potro’ mai diventare.

Questo capitolo tratta argomenti maturi con una certa crudezza, per cui suggerisco prudenza.

Buon ascolto.

La base per l’intro e’ A simple life, di Butterfly Tea.

Creative Commons License
Il Leggio e’ rilasciato sotto licenza Creative Commons Attribution-NonCommercial-ShareAlike 3.0 Unported.

Audio only: Download MP3

8 thoughts on “Il Leggio 03 – Il gioco degli immortali, Cap. 02, Parte 02

  1. Sanjuro

    Ciao Nexus
    Recentemente abbiamo avuto divergenze di vedute su temi politici sul blog Nowherecast ma questo penso non comprometta la possibilità di commentare i podcast di questo blog (spero).
    A proposito di Vittorio Arrigoni ma ha colpito la sua umiltà e la sua umanità.Era una persona alla mano che viveva con i contadini e i pescatori di Gaza .Inoltre destinava il ricavato del suo libro “restiamo umani” all’associazione per i bambini di Gaza. Trovo incomprensibile la sua uccisione.Colpisce il suo agire disinteressato per la causa Palestinese.
    —————————————————————————-
    Adesso giungo a parlare di amenità varie riguardanti il racconto ascoltato.
    Innanzitutto c’è una violenza inaudita da bollino rosso e poi un’altra cosa: ma come fa uno sotto tortura(sbudellamenti vari) ad eccitarsi sessualmente è impossibile!!!!! Neanche con un masochista ci riesce.

    —————————————————————————-
    Notizia degli ultimi mesi: alll’univesità di Bologna si sta assistendo ,forse, a una grande scoperta scientifica L’Energy Catalyzer (nome attributo dal suo cratore Ing.Andrea Rossi e Prof Focardi) .Con poche centinaia di watt ottengono più di una decina di Kilowatt.Forse lo sapevi già.

    ciao

    Reply
    1. NeXuS

      Ciao Sanjuro,
      sei il benvenuto come al solito (le differenze di vedute sono sempre ben accette e son quello che rende il mondo interessante) ed anzi spero che continuerai a passare di qua, nonostante gli aggiornamenti quantomeno sporadici.

      Anche io sono rimasto davvero molto male alla notizia della morte di Arrigoni, e non comprendo come una persona che era dichiaratamente pro-Palestina sia stata uccisa proprio dai Palestinesi. Un’altra dimostrazione che la religione, quella che sia, e’ uno dei mali peggiori del mondo.

      Riguardo al racconto: e’ inverosimile, ma si tratta di fantascienza e di un tipo tutto particolare, per di piu’. Io ho trovato il romanzo “divertente” (interessante, se vuoi), anche se non particolarmente ben scritto.

      Grazie per l’info sull’Energy Catalyzer, che non conoscevo, ma da quel poco che ho letto mi lascia un po’ perplesso (la totale mancanza di radiazioni carateristiche della fusione e’ inspiegabile). Se riesco vedro’ di approfondire.

      Reply
  2. Sanjuro

    Se hai qualche perplessità sull’ E-cat vai su questo sito (come ho fatto io anche se a me a detto che dirà tutto, a proposisto della centrale greca che realizzeranno là, a fine ottobre 2011)
    http://www.journal-of-nuclear-physics.com/
    nei commenti agli articoli ti risponde direttamente l’Ing Rossi.
    E comunque anche il calabrone per la fisica non potrebbe volare…

    A proposito del racconto fantascientifico volevo dire che mi ha ricordato un film italiano degli anni settanta su caligola in cui in una scena c’è un gladiatrice che evira un gladiatore sconfitto; poi anche il film di Boldi “Mia moglie è una bestia”.

    ciao

    Reply
    1. NeXuS

      Cito dal sito che hai linkato: “Then (e+) annichilates with (e-) in two gamma-rays”. Quindi la mia domanda rimane valida: perche’ non ci sono tracce di radiazioni gamma negli esperimenti fin qui condotti?

      Non e’ che io non voglia credere ad un esperimento che avrebbe risvolti incredibili, ma a certe evidenze sperimentali non si scappa.

      P.S. L’affermazione che il calabrone non potrebbe volare secondo la fisica e’ generica e qualunquista: basta formulare un modello fisico corretto (il bello della scienza e’ che e’ in continua evoluzione, al contrario della religione).

      Reply
      1. NeXuS

        Tra parentesi, potrebbe anche essere che il dott. Rossi non abbia rilasciato tutti i dettagli della sua macchina perche’ e’ in attesa di brevetto.

        In ogni caso la qestione dei raggi gamma rimane aperta (e lo dice anche la pagina da te linkata “It remains to be understood the issue of the gamma radiation in the MeV range.”).

        Reply
        1. Sanjuro

          Sul calabrone hai pienamente ragione (ho letto l’articolo linkato da te e poi mi ricordo da osservazioni dirette dei calabroni neri in volo che avevano una forza esagerata nello sbattere le ali tant’è che li colpivo con la racchetta da tennis ,quando entravano nei fiori, e loro venivano sbalzati a una distanza di 6-7 metri e non cadevano a terra e continuavano a volare ) e ovviamente non credevo che il calabrone avesse proprietà magiche ma era solo una metafora per dire che forse la grossa produzione di energia dell’ e-cat non è spiegabile oggi ma forse domani si arriverà alla soluzione a livello teorico.
          E’ che questa storia del calabrone lo sentita dire da Roberto Saviano è lui che mi ha fuorviato.
          Sull e-cat potrebbe succedere qualcosa di inedito e di assolutamente nuovo per la fisica.
          Nel filmato di youtube del test dell’e-cat il Professor Giuseppe Levi dice in un intervista che quello che si sta verificando non a corrispondenza nei testi di fisica .Anche i Professori dell’Università di Uppsala sostengono lo stesso.Stiamo a vedere a ottobre o fine ottobre quando l’Ing Rossi dovrebbre presentare l’impianto greco e la sua teoria riguardo il funzionamento del suo marchingegno.Intanto se leggi questo link http://it.wikipedia.org/wiki/Petroldragon ti vengono forse alcune perplessità anche sull’Ing.Rossi .
          Ciao

          Reply
  3. Edo

    Questa storia mi appassiona. Bella lettura.

    La cosa che mi stupisce di piu’ e’ che uno scienziato aspetti di brevettare qualcosa prima di pubblicare i risultati. Soltanto questo e’ sufficiente per farmi storcere il naso.

    Voglio dire, se l’effetto fisico non e’ noto, mi pare quantomeno prematuro brevettare un marchingegno che lo usa. Ed io non m’avvicinerei molto volentieri a quel coso. Mah…

    Reply

Leave a Reply to NeXuS Cancel reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *